Omega-3 essenzilali per la salute cardiaca

Gli Omega-3, come vedremo, dimostrano essere molto efficaci nel ridurre il rischio di malattia cardiaca.

Il Journal of Clinical LipidologyUse of supplemental long-chain omega-3 fatty acids and risk for cardiac death: An updated meta-analysis and review of research gaps pubblica un’importante revisione di studi pubblicati dal 1995 al 2014 sugli effetti dell’integrazione degli oli di pesce omega-3 nell’arco di almeno 6 mesi di integrazione.

Omega-3 dieci volte meglio delle statine nel prevenire la morte cardiaca

La ricerca raggruppa quattordici studi randomizzati e controllati che avevano coinvolto oltre 71 mila persone, di cui 1.746 sono morte per infarto cardiaco.

Ricevi la Newsletter


I ricercatori si sono accorti che le persone sottoposte ad integrazione di 1 grammo o più di omega-3 (combinato EPA + DHA) avevano un rischio inferiore del 29%.

Includendo studi che utilizzavano dosi più basse di Omega 3 la riduzione del rischio era dell’8%. Per le persone soggette a fattori di rischio cardiovascolare, quali aumento dei trigliceridi o del colesterolo LDL, la riduzione del rischio è stata del 17%.

Omega 3 e statine a confronto

Un importante studio europeo, uscito nel 2015 sull’European Heart JournalEur Heart J. 2015 Jun 21;36(24):1536-46
The effect of statin therapy on heart failure events: a collaborative meta-analysis of unpublished data from major randomized trials – Studio Completo in PDFPubMed.
riunisce i risultati di 17 ricerche (dal 1994 al 2014) per un totale di oltre 132.000 pazienti (seguiti per circa 4 anni).

È interessante notare, nella tabella 2 di pagina 8, i seguenti 2 punti:

  • 1. riduzione del rischio morte su 14 studi:
    213 decessi nel gruppo delle persone trattate con statine, contro 220 nel gruppo senza statine;
  • 2. riduzione del rischio morte su 13 studi, senza precedente infarto:
    178 decessi nel gruppo delle persone trattate con statine, contro 181 nel gruppo senza statine;

Ciò si traduce in una riduzione del rischio circa del 3%.

Da questo studio si evince che, rispetto alle statine, l’assunzione preventiva quotidiana di Omega 3 (1 g di EPA e DHA) protegge da malattia cardiaca.

Prevenzione cardiovascolare

Il National Institute of Clinical Evidence (NICE)Nice guide organismo che coordina le linee guida mediche, favorisce le statine rispetto agli omega-3.

Nel 2005 una vasta analisiArch Intern Med. 2005 Apr 11;165(7):725-30.
Effect of different antilipidemic agents and diets on mortality: a systematic review.PubMedPDf
di 97 ricerche scientifiche, alle quali avevano partecipato ben 140 mila soggetti, rivela che tra tutti gli inerventi noti volti a diminuire la mortalità cardiovascolare gli omega-3 risultavano essere tra i più effici.

Sebbene gli acidi grassi abbassino in modo significativo il rischio di morte cardiaca pur con una riduzione minima (2%) dei livelli di colesterlo, evidentemente c’è qualcosa che ci sfugge sul ruolo del colesterolo.

A cosa dobbiamo l’efficacia degli acidi grassi omega-3 quando si tratta di proteggere il cuore? Quali sono i meccanismi di azione?

Per approfondire i processi biochimici cellulari che sono coinvolti nella salute cardiovascolare partecipa ai nostri corsi.

Se vuoi approfondire questo articolo e avere maggiori informazioni sulle proprietà degli omega- 3 accedi alla tua area socio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.